Spoken Words by Ivo De Palma

Le videopoesie con la mia voce, di autori noti e (molto) meno noti. L’impegno profuso nell’interpretazione si combina col dettaglio della ripresa vocale, per un ascolto coinvolgente ed emozionante. Per me una videopoesia è ciò che per Pessoa è la stessa poesia, cioè “il mio modo di stare da solo”. Anche se poi, per qualche ora, sono in realtà in compagnia dell’autore, pur non conoscendolo personalmente, del suo mondo interiore. Che non necessariamente rispecchia sempre il mio, ma che mi sforzo di rendere al meglio delle mie possibilità, e su ben tre livelli differenti, perché oltre al testo recitato c’è la scelta di pertinenti clip video e anche la traduzione in inglese, che mi regalano ulteriori possibilità di penetrare il senso, o il non senso, della scrittura, considerando che la scelta delle parole anglosassoni coincidenti al testo italiano, o ad esso a volte alternative quando letteralmente intraducibile, non sempre è agevole. Io voglio sondare la musica in ogni sillaba, visto che la poesia nasce come “canto” e così spesso viene ancora definita in modo ormai (troppo) metaforico, poiché una volta “canto” non era metafora di poesia, ma, appunto e di per sé, poesia. Voglio evidenziare quanto di intimo c’è nel testo poetico, e quindi di inviolabile, e quindi per ciò stesso di sacro, antico e rituale. Anche in una poesia moderna.

Ivo De Palma

I commenti sono chiusi.